FONDAZIONE MONTAGNA SICURA – Ultime notizie


  • 08-Jul-2021: Protezione Civile - Courmayeur - Fondazione Montagna Sicura

    Online sul sito internet del Comune di Courmayeur la nuova sezione dedicata ai servizi di Protezione Civile, contenente una sezione specifica dedicata al rischio glaciale.

  • 05-Jul-2021: Escursione gratuita “Un Ghiacciaio Himalayano in Valle d'Aosta ed il suo anfiteatro morenico" - Fondazione Montagna Sicura

    Giovedì 8 luglio è organizzata l'escursione gratuita “Un Ghiacciaio Himalayano in Valle d'Aosta ed il suo anfiteatro morenico, alla scoperta del Ghiacciaio del Miage nella Val Veny. I partecipanti saranno accompagnati da Guide escursionistiche naturalistiche che forniranno strumenti e chiavi di lettura per comprendere le straordinarie caratteristiche degli ambienti glaciali, le particolarità del Ghiacciaio del Miage e della Val Veny, vallata di confine ricca di storia e natura.

    L'escursione non presenta difficoltà e comporta all'incirca 400 m di dislivello. Si consigliano abbigliamento comodo (prevedere giacca a vento) e scarpe da escursionismo. Si è invitati a portare uno zaino per la consegna del pic-nic offerto dall'organizzazione. In caso di condizioni meteo avverse, l'escursione sarà annullata.

    Durante l'escursione saranno applicate le principali misure anti-covid come da disposizioni ministeriali nel giorno dell'evento.

    L'escursione è gratuita ma su prenotazione e limitata ad un massimo di 20 partecipanti. Gli interessati a partecipare possono prenotarsi inviando una mail all'indirizzo parcours- interpretation@fondms.org, entro venerdì 2 luglio 2021. Le domande di adesione verranno accolte in ordine di arrivo.

    PROGRAMMA 8 LUGLIO

    • 08.45 - Ritrovo dei partecipanti a La Visaille, Val Veny, alla sbarra e consegna omaggio pic-nic
    • 09.00 - Partenza a piedi con destinazione Lago Combal e a seguire lago e morene del Miage. Nei diversi punti saranno effettuate delle soste per l'osservazione diretta degli elementi e dei fenomeni più rappresentativi
    • 12.30 - 13.30 - Pranzo al sacco. Un cestino da pic-nic sarà fornito alla partenza dall'organizzazione
    • 13.30 - 15.00 - Salita sino al Rifugio Elisabetta e osservazione dall'alto del Ghiacciaio del Miage e delle diverse morfologie tipiche degli ambienti glaciali
    • 16.00 - 16.30 - Rientro a La Visaille.

    Entrambe le iniziative sono organizzate dalla Fondazione Montagna sicura - Montagne sûre, in collaborazione con i partner transfrontalieri, nell'ambito del progetto Parcours d'interprétation du patrimoine naturel et culturel, compreso nel PITER PARCOURS, finanziato dal Programma di Cooperazione transfrontaliera Italia - Francia Alcotra 2014/2020.

     

    Per maggiori informazioni: parcours-interpretation@fondms.org

  • 21-Jun-2021: CONOSCERE LA MONTAGNA - Fondazione Montagna Sicura

    Giovedì 24 giugno, alle ore 20.30, nell'ambito del ciclo di dirette facebook ‘CONOSCERE LA MONTAGNA', Fondazione Montagna sicura presenta: "ANDAR PER GHIACCIAI, sentinelle di come stanno cambiando il clima e la frequentazione dell'alta montagna".

    Interverranno: Fabrizio Troilo e Luca Mondardini, di Fondazione Montagna sicura, con un inquadramento sulla tematica ed alcuni focus sul ghiacciaio delle Grandes Jorasses e sul catasto regionale dei ghiacciai valdostani, ed Edoardo Cremonese, di ARPA Valle d'Aosta, con un intervento sugli scenari evolutivi dei ghiacciai in un contesto di cambiamento climatico.

    A seguire un dibattito sulla strategia regionale di adattamento al cambiamento climatico e su come stanno cambiando la frequentazione dell'alta montagna e l'attività della guida alpina: ospiti Ezio Marlier, presidente dell'Unione Valdostana Guide Alta Montagna e Jean Pierre Fosson, Segretario generale di Fondazione Montagna sicura. Modera Elisabetta Ceaglio, nivologa per Fondazione Montagna sicura e aspirante guida alpina.

    La diretta sarà disponibile, all'ora e data indicate, al seguente link (anche per chi non ha un'utenza Facebook):

    https://www.facebook.com/FondazioneMontagnaSicura/live/

  • 08-Jun-2021: Randonnées de l'Espace Mont-Blanc, Rencontres et passages - Fondazione Montagna Sicura

    I tradizionali Séjours transfrontaliers autour du Mont-Blanc promossi nell'ambito delle attività dell'Espace Mont-Blanc, dedicati ai giovani valdostani, vallesani e savoiardi e organizzati dal 2012, si presentano in una nuova veste per affrontare eventuali complessità legate ai vincoli sanitari dei tre paesi, ma soprattutto per celebrare il 30° anniversario dell'Espace Mont-Blanc (1991-2021).

    La Fondazione Montagna sicura, in collaborazione con l'Assessorato Ambiente, Trasporti e Mobilità sostenibile della Regione Autonoma della Valle d'Aosta, organizza quattro escursioni giornaliere gratuite per 10 giovani valdostani di età compresa tra i 12 e i 15 anni.
    Alle frontiere sono previsti momenti di incontro tra i giovani italiani, francesi e svizzeri dove ci sarà il passaggio del testimone, un alpenstock, che farà il giro del Monte Bianco per sottolineare, in modo simbolico, il forte legame tra i tre paesi.
    Le iscrizioni resteranno aperte sino al 25 giugno prossimo. Nel caso in cui le domande di partecipazione supereranno il numero dei posti disponibili, sarà previsto un sorteggio con data da stabilire.

    Per informazioni: formazione@fondms.org
    Link per iscrizione: Modulo iscrizione
  • 06-Jun-2021: Webinar di lancio del progetto PITEM - RISK ACT - Fondazione Montagna Sicura

    Mercoledì 9 giugno 2021 | 10:00 – 12:30

     Regione Liguria e Fondazione CIMA organizzano il webinar di lancio del progetto  PITEM - RISK ACT

    “Resilienza, comunicazione e gestione dei rischi ai tempi del coronavirus"

    ISCRIZIONE

  • 17-May-2021: CONOSCERE LA MONTAGNA - Fondazione Montagna Sicura

    Lunedì 24 maggio, alle ore 20.30, nell'ambito del ciclo di dirette CONOSCERE LA MONTAGNA, Fondazione Montagna sicura presenta: "Il futuro della Medicina di emergenza in montagna", con il Dr. Luigi Festi, Chirurgo d'urgenza e Programme Director of the International Master Course in Mountain Emergency Medicine.

    Interverranno anche il Dr. Guido Giardini, presidente di Fondazione Montagna sicura e Direttore sanitario della Azienda USL Valle d'Aosta, Paolo Comune, Direttore del Soccorso Alpino Valdostano ed Hermann Brugger, Direttore d'Istituto per la medicina d'emergenza in montagna all'EURAC e coautore, insieme a Festi e Zafren, del libro "Mountain Emergency Medicine".

    Insieme dialogheranno sul tema di come i cambiamenti climatici e la nuova frequentazione dopo la pandemia influiranno sulla percezione del rischio in montagna.

    La diretta sarà disponibile, all'ora e data indicate, al seguente link (anche per chi non ha un'utenza Facebook):

    https://www.facebook.com/FondazioneMontagnaSicura/live/

  • 04-May-2021: ThoulaLab - Fondazione Montagna Sicura

     Presentazione delle principali attività svolte nel periodo 2019-2020 che trattano l'analisi dei principali indicatori dell'evoluzione e dello “stato di salute” del ghiacciaio.

  • 04-May-2021: L’ANDAMENTO DELLA STAGIONE INVERNALE 2019/2020 - Fondazione Montagna Sicura

    È on line la quindicesima edizione del rendiconto che descrive l'andamento nivometeorologico della stagione invernale 2019/2020, nel periodo compreso tra la prima significativa nevicata di inizio novembre fino a metà maggio, momento della fusione del manto nevoso. Il rendiconto è redatto dalla Regione Autonoma Valle d'Aosta – Ufficio neve e valanghe in collaborazione con Fondazione Montagna sicura.

    Durante la stagione invernale 2019/2020, in generale, è stata registrata tanta neve in autunno inoltrato e a dicembre, poca a gennaio e nella seconda parte di marzo, ancor meno ad aprile. Ci sono state lunghe fasi di alta pressione in primavera, tanto vento e pioggia in alta quota, e un colpo di coda a maggio, con neve in media e alta montagna, che ha chiuso la stagione invernale.

    Un dato significativo della stagione 2019/2020 riguarda il numero degli incidenti in valanga. Lo scorso inverno si sono registrati meno morti in valanga in Italia rispetto ai 7 anni precedenti. Questo fatto non è dovuto alla situazione pandemica, come potrebbe sembrare: i motivi principali legati all'aumento o alla diminuzione annuale degli incidenti, infatti, sono sempre legati alle condizioni di stabilità della neve. Il manto nevoso ha avuto, per buona parte della stagione, condizioni di stabilità; i tre incidenti mortali avvenuti in Valle d'Aosta hanno visto coinvolti sciatori e scialpinisti molto esperti e, in due casi, gli scialpinisti erano da soli.

    Per redigere il rendiconto sono state analizzate diverse fonti:

    • I dati rilevati manualmente ed i sopralluoghi effettuati sul terreno nel corso della stagione dai rilevatori dell'Ufficio neve e valanghe regionale (CFV, PNGP, CVA, AVIF, SAGF, SAV, CELVA, Guide Alpine)
    • Le stazioni meteorologiche automatiche del Centro funzionale regionale
    • I bollettini previsionali emessi dall'Ufficio meteorologico regionale
    • I bollettini previsionali di pericolo valanghe neve e valanghe emessi dall'Ufficio neve e valanghe regionale
    • Il Catasto regionale valanghe

    Con la messa on-line di questa XV edizione del rendiconto nivometeorologico, elaborato dall'Ufficio neve e valanghe della Regione Autonoma Valle d'Aosta con il supporto tecnico di Fondazione Montagna sicura, sono state realizzate, in collaborazione con la ditta Confini snc - nell'ambito del Progetto RISK-ACT -, alcune soluzioni innovative al fine di migliorarne il format divulgativo e valorizzarne contenuti e fruibilità. Accanto al documento integrale del rendiconto, a partire dalla stagione nivologica 2019-2020, si affiancano un documento di sintesi sull'andamento nivometeorologico mese per mese e la presentazione dei singoli capitoli del Rendiconto. Inoltre sono stati realizzati alcuni prodotti divulgativi, quali un video di presentazione, infografiche, testi specifici per news e post per i social. E' stata inoltre creata una nuova sezione all'interno del sito di Fondazione dedicata esclusivamente al Rendiconto, la trovate qui.

  • 15-Mar-2021: Webinar “Le Alpi e i rischi da pericoli naturali: la comunicazione come tema strategico” - Fondazione Montagna Sicura

    SAVE THE DATE

    giovedì 18 marzo 2021 (09:00 – 12:30)

    Webinar rivolto ai tecnici

    Le Alpi e i rischi da pericoli naturali: la comunicazione come tema strategico”

    Sessione di confronto tra il progetto “RiKoST” (Programma Interreg Italia-Austria) e il PITEM “RISK” (Programma Interreg Alcotra Italia-Francia)

  • 08-Mar-2021: Corso di formazione online gratuito sui Servizi Ecosistemici - Fondazione Montagna Sicura

    ISCRIZIONI TERMINATE. POSTI DISPONIBILI ESAURITI (nota del 19/04/2021).

    I servizi servizi ecosistemici sono l'insieme dei benefici multipli forniti dagli ecosistemi al genere umano in cui si incontrano processi ecologici sociali ed economici.

    Il presente corso, destinato all'area ALCOTRA, vuole costituire un'opportunità di formazione, per gli operatori del territorio, siano essi professionisti del settore ambientale o personale tecnico degli enti locali e, al tempo stesso, fornire un'occasione per divulgare le conoscenze e promuovere forme di valorizzazione e di protezione partecipativa dell'ambiente naturale.

    OBIETTIVI DELLA FORMAZIONE

    • Fornire informazioni e strumenti di conoscenza sui servizi ecosistemici;
    • Acquisire consapevolezza del loro ruolo per la conservazione dell'ambiente;
    • Contribuire alla formazione dei professionisti e del personale tecnico delle amministrazioni affinché prendano in considerazione i servizi ecosistemici nell'ambito dei processi decisionali
  • 31-Jan-2021: Studio giuridico comparato Italia-Svizzera sulla promozione della pratica dello scialpinismo - Fondazione Montagna Sicura

    Nell'ambito del progetto Interreg Skialp@gsb, si segnala l'interessante studio giuridico comparato Italia-Svizzera sulla promozione della pratica dello scialpinismo tra la Valle del Gran San Bernardo e la località svizzera di Verbier, in collaborazione con Fondazione Courmayeur Montblanc.

    SKIALP è un progetto che propone servizi, azioni innovative, sistemiche e di promozione legate alla pratica dello sci alpinismo. Il progetto, di cui Fondazione Montagna sicura è partner, rafforza la collaborazione transfrontaliera favorendo e potenziando, data la vicinanza geografica e infrastrutturale, la crescita e la nascita di nuove PMI. Diversificazione delle attività turistiche, opportunità per un nuovo prodotto turistico, spinta al cambiamento, sviluppo di un prodotto durevole, coinvolgimento diretto degli operatori turistici sono le parole chiave. 

  • 03-Jan-2021: Rapport d'activités 2020 - Fondazione Montagna Sicura

    Il rapporto, redatto dai tecnici e dal personale attivo sui diversi progetti, traccia una panoramica completa delle attività svolte illustrando i risultati conseguiti e gli obiettivi da raggiungere nel prossimo futuro. Fondazione Montagna sicura è divenuta nel corso degli anni un punto di riferimento importante relativamente alle tematiche: ricerca, innovazione e alta formazione, e rappresenta una realtà molto attiva in una logica di rete transfrontaliera alpina e internazionale. Vi invitiamo a dare una approfondita lettura di questo spaccato delle nostre missioni operative.

    Rapport d'activités 2020

  • 07-Dec-2020: I Ghiacciai Valdostani: risultati delle ricerche e dei monitoraggi condotti nel 2020 a cura degli Enti aderenti alla Cabina di Regia dei Ghiacciai Valdostani - Fondazione Montagna Sicura

    I Ghiacciai Valdostani: risultati delle ricerche e dei monitoraggi condotti nel 2020 è il tema del Webinar promosso dall'Associazione Forte di Bard, dalla Regione Autonoma Valle d'Aosta e dalla Fondazione Montagna sicura, in programma giovedì 10 dicembre, a partire dalle ore 15.00 e visibile, previa adesione, dal sito fortedibard.it.

    L'iniziativa è inserita nell'ambito degli eventi del percorso espositivo - museale denominato l'Adieu des Glaciers, a cura del Forte di Bard, che nel 2020 è stato incentrato sui Ghiacciai del Monte Rosa.

    Nel corso del Convegno i partner aderenti alla Cabina di Regia dei Ghiacciai Valdostani (CRGV) riferiranno sulle iniziative istituzionali di monitoraggio sui Ghiacciai condotte, spaziando dai dati rilevati, da indicazioni climatiche, sino alle iniziative di ricerca condotte ed alle attività di gestione di situazioni di rischio glaciale. I Ghiacciai sono tra i più sensibili indicatori climatici: il loro arretramento conferma l'attuale trend di aumento delle temperature medie globale e la fragilità dell'ecosistema in cui viviamo. I Ghiacciai sono parte essenziale del nostro territorio, bene paesaggistico, risorsa idrica importantissima, palestra per gli alpinisti; talvolta possono essere fonte di rischio, da cui l'importanza di seguirne l'evoluzione e di conoscerne le dinamiche.

    La Cabina di Regia dei Ghiacciai Valdostani (CRGV) è una cellula di coordinamento tra gli Enti che si occupano dei ghiacciai e della criosfera sul territorio valdostano a livello di ricerca, gestione territoriale, salvaguardia e sfruttamento delle risorse legate al patrimonio glaciale. L'obiettivo generale è quello di facilitare lo scambio di conoscenze e di definire delle linee di indirizzo per le azioni svolte dai diversi Enti, favorendo sinergie nelle attività di studio e diffondendo le conoscenze scientifiche acquisite. 

    La Cabina di Regia è presieduta dalla Regione Autonoma Valle d'Aosta (Presidenza: Struttura Assetto idrogeologico dei bacini montani; Vice Presidenza: Dipartimento Ambiente) ed è gestita operativamente dalla Fondazione Montagna sicura. A questi enti si uniscono l'Agenzia regionale per la Protezione dell'Ambiente della Regione Autonoma Valle d'Aosta (ARPA VdA), il Comitato Glaciologico Italiano (CGI), il Parco Nazionale del Gran Paradiso (PNGP), il Consiglio Nazionale delle Ricerche - Istituto di Ricerca per la Protezione Idrogeologica (CNR I.R.P.I.), la Compagnia Valdostana delle Acque (CVA), l'Unione Valdostana Guide di Alta Montagna (UVGAM), il Soccorso Alpino Valdostano (SAV) e, dal 2016, la Società Meteorologica Italiana (SMI).

    Il Protocollo di collaborazione istitutivo della Cabina di Regia è stato sottoscritto nel 2004 e rinnovato annualmente sino al 2019.

    Modalità di adesione

    L'accesso allo streaming dei lavori è gratuito e subordinato alla prenotazione compilando l'apposito form presente sul sito fortedibard.it nella sezione Eventi. I partecipanti riceveranno nella notifica di conferma, il link per accedere allo streaming il giorno dell'evento.

    Info al numero 0125 833811.

     

     

    Programma

    15.00 Saluti autorità regionali e Forte di Bard

    15.15 Introduzione ai lavori: Michele Freppaz, Università di Torino, e Jean Pierre Fosson, Segretario generale Fondazione Montagna Sicura (moderatori)

    15.20 Michele Freppaz, Università di Torino - Il Progetto L'Adieu des Glaciers

    15.30 Daniele Cat Berro, Società Meteorologica Italiana (Smi) onlus - Ultimi ghiacci: un libro su clima e ghiacciai delle Alpi Marittime

    15.40 Marco Giardino, Comitato Glaciologico Italiano - Il Comitato Glaciologico Italiano e la "Carovana dei ghiacciai": memoria e dati scientifici

    15.50 Marta Chiarle, Cnr Irpi- I ghiacciai valdostani nel panorama scientifico internazionale

    16.00 Gianni Mortara, Comitato Glaciologico Italiano - Il contributo del Comitato Glaciologico allo studio del glacialismo valdostano: attualità e storia

    16.10 Edoardo Cremonese, Arpa Valle d'Aosta - Ghiacciai e rock glaciers: le prospettive idrologiche

    16.20 Alberto Rossotto, Parco Nazionale Gran Paradiso - Campagna glaciologica del Parco Nazionale Gran Paradiso e bilancio di massa del Ghiacciaio del Grand Etrèt 2019-2020

    16.30 Valerio Segor, Dirigente Assetto idrogeologico dei bacini montani - Regione Autonoma Valle d'Aosta - I rischi glaciali in Valle d'Aosta: il caso del Ghiacciaio di Planpincieux

    16.40 Fabrizio Troilo, Fondazione Montagna sicura - Indagini recenti presso il seracco Whymper alle Grandes Jorasses

    16.50 Christian Vincent, Institut des Géosciences de l'Environnement de Grenoble - Les études des risques liés aux glaciers de Taconnaz, de Tête Rousse et des Grandes Jorasses (Mont-Blanc)

    17.00 Daniele Giordan, Cnr Irpi - Il laboratorio a cielo aperto delle Grandes Jorasses: una necessità ma anche un'occasione per lo sviluppo di tecniche di monitoraggio di processi di instabilità in ambito glaciale

    17.10 Simone Gottardelli, Fondazione Montagna sicura - Applicazioni del telerilevamento in ambito glaciale

    17.15 Conclusioni:

    Guido Giardini, Presidente Fondazione Montagna sicura

    Valerio Segor, Dirigente Assetto idrogeologico dei bacini montani, Regione Valle d'Aosta

    Luca Mercalli, Presidente Società Meteorologica Italiana (Smi) onlus

    17.30 Chiusura lavori

  • 04-Nov-2020: RESERVAQUA - ACQUA TRA PASSATO E FUTURO - Fondazione Montagna Sicura

    RESERVAQUA - Evento trasmesso in streaming online

    ACQUA TRA PASSATO E FUTURO

    Un viaggio, in tre appuntamenti, alla scoperta della risorsa idrica

     

    II° Convegno, 07 novembre 2020, Forte di Bard, Bard (Valle d'Aosta)

    Confronto transfrontaliero sulle acque

    Il progetto IT-CH RESERVAQUA vuole condividere con il pubblico i risultati delle ricerche dei vari Enti che si occupano di osservare e monitorare il ciclo idrico. Il confronto è inserito nella XI edizione di METEOLAB: sarà coordinato da Luca Mercalli, giornalista e climatologo.

    PROGRAMMA

    Ore 11.50 Raffaele Rocco, Coordinatore del Dipartimento Programmazione, risorse idriche e territorio - Regione Autonoma Valle d'Aosta - Il Piano di Tutela delle acque

    Ore 12.10 Luca Mercalli • Chiusura lavori e dibattito Ore 12.20 Termine sessione mattutina

    Ore 14.30 Apertura lavori pomeridiani. Introduce e conduce Luca Mercalli - Presidente della Società Meteorologica Italiana

    Ore 14.35 Davide Bertolo - Dirigente Attività geologiche - Regione Autonoma Valle d'Aosta - Il Progetto ITA - CH RESERVAQUA quale esempio concreto di valorizzazione della risorsa idrica a scala transfrontaliera

    Ore 14.50 Pierre Christhe - Direction de l'environnement - Canton du Valais

     L'or bleu au pays des cimes blanches : perspectives dans un monde en constant changement

    Ore 15.05 Edoardo Cremonese - ARPA Valle d'Aosta - Cambiamenti climatici e risorse idriche in Valle d'Aosta: quali prospettive per il futuro?

    Ore 15.20 Luca Mondardini - Fondazione Montagna sicura - ThoulaLab: risorsa idrica e ghiacciai - primi risultati

    Ore 15.35 Luca Paro - ARPA Piemonte - Permafrost e risorsa idrica: il caso studio dei rock glacier

    Ore 15.50 Martina Balliana - Fondazione Montagna sicura - Individuazione semi automatizzata dei laghi glaciali da remote sensing

    Ore 16.05 Enrico Suozzi - Politecnico di Torino - Cambiamenti climatici e ricarica degli acquiferi di montagna, l'esempio riuscito del sito sperimentale di Mascognaz

    Ore 16.20 Luca Mercalli • Chiusura lavori e dibattito con disponibilità dei relatori a rispondere ai quesiti del pubblico

    Ore 16.40 Termine sessione pomeridiana

    L'accesso allo streaming dei lavori  è  subordinato  alla  prenotazione via mail. All'atto dell'adesione, i partecipanti riceveranno la notifica di conferma e il link per accedere allo streaming il giorno dell'evento

    Prenotazioni aperte dal 29 ottobre 2020 su fortedibard.it

  • 25-Sep-2020: Alpine Landscape Meets Culture, Cultural Heritage and Landscape for a new Alpine tourism – ALMCC2020 - Fondazione Montagna Sicura

    28-30 SETTEMBRE 2020 | VIRTUAL CONFERENCE

    La Delegazione Italiana in Convenzione delle Alpi – Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio, la Regione autonoma Valle d'Aosta, con il contributo del Comune di Courmayeur e l'assistenza scientifica di Eurac Research e Fondazione Montagna sicura organizzano la Virtual Conference “Alpine Landscape Meets Culture, Cultural Heritage and Landscape for a new Alpine tourism” che si terrà in differenti sessioni on-line tra il 28 e il 30 settembre 2020.

    La conferenza, promossa in attuazione della decisione dei Ministri Alpini a Innsbruck, vuole essere promotrice di una riflessione a 360° sull'importanza di promuovere e valorizzare il patrimonio culturale-paesaggistico alpino nel turismo. La conferenza permetterà di analizzare la stretta relazione tra il turismo alpino e il paesaggio culturale delle nostre Alpi, alla scoperta di come la cultura locale abbia plasmato il territorio alpino creando paesaggi divenuti ricchezza culturale ed economica del nostro paese e sarà una finestra sulle nuove soluzioni e strategie per il turismo locale nell'era post-COVID.

    L'evento virtuale si articolerà in sessioni plenarie di apertura e di chiusura e sessioni di lavoro parallele su tematiche specifiche quali: la valorizzazione del paesaggio culturale nelle Alpi attraverso le Convenzioni UNESCO, la frequentazione culturale della Montagna dopo l'emergenza COVID-19 attraverso nuove prospettive per una ripartenza all'insegna della sostenibilità e la promozione e diffusione del patrimonio e degli itinerari culturali della regione alpina. La conferenza vedrà coinvolti esperti internazionali nei settori del turismo, del paesaggio e dei beni storico-culturali.

    La conferenza si prefigge l'obiettivo di coinvolgere attivamente enti territoriali, il settore privato e la ricerca sul tema, anche attraverso una call for abstract & poster sulla valorizzazione del paesaggio e del patrimonio culturale della regione alpina aperta a ricercatori, professionisti, esperti in materia e alla società civile.

    La conferenza sarà supportata da traduzione simultanea. 

    Programma ed informazioni: www.greeneconomy-ccapp.it/ALMCC2020/ - https://www.facebook.com/pg/almccalps/about/?ref=page_internal (pagina Facebook)