FONDAZIONE MONTAGNA SICURA – Ultime notizie


  • 15-Mar-2021: Webinar “Le Alpi e i rischi da pericoli naturali: la comunicazione come tema strategico” - Fondazione Montagna Sicura

    SAVE THE DATE

    giovedì 18 marzo 2021 (09:00 – 12:30)

    Webinar rivolto ai tecnici

    Le Alpi e i rischi da pericoli naturali: la comunicazione come tema strategico”

    Sessione di confronto tra il progetto “RiKoST” (Programma Interreg Italia-Austria) e il PITEM “RISK” (Programma Interreg Alcotra Italia-Francia)

  • 08-Mar-2021: Corso di formazione online gratuito sui Servizi Ecosistemici - Fondazione Montagna Sicura

    I servizi servizi ecosistemici sono l'insieme dei benefici multipli forniti dagli ecosistemi al genere umano in cui si incontrano processi ecologici sociali ed economici.

    Il presente corso, destinato all'area ALCOTRA, vuole costituire un'opportunità di formazione, per gli operatori del territorio, siano essi professionisti del settore ambientale o personale tecnico degli enti locali e, al tempo stesso, fornire un'occasione per divulgare le conoscenze e promuovere forme di valorizzazione e di protezione partecipativa dell'ambiente naturale.

    OBIETTIVI DELLA FORMAZIONE

    • Fornire informazioni e strumenti di conoscenza sui servizi ecosistemici;
    • Acquisire consapevolezza del loro ruolo per la conservazione dell'ambiente;
    • Contribuire alla formazione dei professionisti e del personale tecnico delle amministrazioni affinché prendano in considerazione i servizi ecosistemici nell'ambito dei processi decisionali
  • 31-Jan-2021: Studio giuridico comparato Italia-Svizzera sulla promozione della pratica dello scialpinismo - Fondazione Montagna Sicura

    Nell'ambito del progetto Interreg Skialp@gsb, si segnala l'interessante studio giuridico comparato Italia-Svizzera sulla promozione della pratica dello scialpinismo tra la Valle del Gran San Bernardo e la località svizzera di Verbier, in collaborazione con Fondazione Courmayeur Montblanc.

    SKIALP è un progetto che propone servizi, azioni innovative, sistemiche e di promozione legate alla pratica dello sci alpinismo. Il progetto, di cui Fondazione Montagna sicura è partner, rafforza la collaborazione transfrontaliera favorendo e potenziando, data la vicinanza geografica e infrastrutturale, la crescita e la nascita di nuove PMI. Diversificazione delle attività turistiche, opportunità per un nuovo prodotto turistico, spinta al cambiamento, sviluppo di un prodotto durevole, coinvolgimento diretto degli operatori turistici sono le parole chiave. 

  • 03-Jan-2021: Rapport d'activités 2020 - Fondazione Montagna Sicura

    Il rapporto, redatto dai tecnici e dal personale attivo sui diversi progetti, traccia una panoramica completa delle attività svolte illustrando i risultati conseguiti e gli obiettivi da raggiungere nel prossimo futuro. Fondazione Montagna sicura è divenuta nel corso degli anni un punto di riferimento importante relativamente alle tematiche: ricerca, innovazione e alta formazione, e rappresenta una realtà molto attiva in una logica di rete transfrontaliera alpina e internazionale. Vi invitiamo a dare una approfondita lettura di questo spaccato delle nostre missioni operative.

    Rapport d'activités 2020

  • 07-Dec-2020: I Ghiacciai Valdostani: risultati delle ricerche e dei monitoraggi condotti nel 2020 a cura degli Enti aderenti alla Cabina di Regia dei Ghiacciai Valdostani - Fondazione Montagna Sicura

    I Ghiacciai Valdostani: risultati delle ricerche e dei monitoraggi condotti nel 2020 è il tema del Webinar promosso dall'Associazione Forte di Bard, dalla Regione Autonoma Valle d'Aosta e dalla Fondazione Montagna sicura, in programma giovedì 10 dicembre, a partire dalle ore 15.00 e visibile, previa adesione, dal sito fortedibard.it.

    L'iniziativa è inserita nell'ambito degli eventi del percorso espositivo - museale denominato l'Adieu des Glaciers, a cura del Forte di Bard, che nel 2020 è stato incentrato sui Ghiacciai del Monte Rosa.

    Nel corso del Convegno i partner aderenti alla Cabina di Regia dei Ghiacciai Valdostani (CRGV) riferiranno sulle iniziative istituzionali di monitoraggio sui Ghiacciai condotte, spaziando dai dati rilevati, da indicazioni climatiche, sino alle iniziative di ricerca condotte ed alle attività di gestione di situazioni di rischio glaciale. I Ghiacciai sono tra i più sensibili indicatori climatici: il loro arretramento conferma l'attuale trend di aumento delle temperature medie globale e la fragilità dell'ecosistema in cui viviamo. I Ghiacciai sono parte essenziale del nostro territorio, bene paesaggistico, risorsa idrica importantissima, palestra per gli alpinisti; talvolta possono essere fonte di rischio, da cui l'importanza di seguirne l'evoluzione e di conoscerne le dinamiche.

    La Cabina di Regia dei Ghiacciai Valdostani (CRGV) è una cellula di coordinamento tra gli Enti che si occupano dei ghiacciai e della criosfera sul territorio valdostano a livello di ricerca, gestione territoriale, salvaguardia e sfruttamento delle risorse legate al patrimonio glaciale. L'obiettivo generale è quello di facilitare lo scambio di conoscenze e di definire delle linee di indirizzo per le azioni svolte dai diversi Enti, favorendo sinergie nelle attività di studio e diffondendo le conoscenze scientifiche acquisite. 

    La Cabina di Regia è presieduta dalla Regione Autonoma Valle d'Aosta (Presidenza: Struttura Assetto idrogeologico dei bacini montani; Vice Presidenza: Dipartimento Ambiente) ed è gestita operativamente dalla Fondazione Montagna sicura. A questi enti si uniscono l'Agenzia regionale per la Protezione dell'Ambiente della Regione Autonoma Valle d'Aosta (ARPA VdA), il Comitato Glaciologico Italiano (CGI), il Parco Nazionale del Gran Paradiso (PNGP), il Consiglio Nazionale delle Ricerche - Istituto di Ricerca per la Protezione Idrogeologica (CNR I.R.P.I.), la Compagnia Valdostana delle Acque (CVA), l'Unione Valdostana Guide di Alta Montagna (UVGAM), il Soccorso Alpino Valdostano (SAV) e, dal 2016, la Società Meteorologica Italiana (SMI).

    Il Protocollo di collaborazione istitutivo della Cabina di Regia è stato sottoscritto nel 2004 e rinnovato annualmente sino al 2019.

    Modalità di adesione

    L'accesso allo streaming dei lavori è gratuito e subordinato alla prenotazione compilando l'apposito form presente sul sito fortedibard.it nella sezione Eventi. I partecipanti riceveranno nella notifica di conferma, il link per accedere allo streaming il giorno dell'evento.

    Info al numero 0125 833811.

     

     

    Programma

    15.00 Saluti autorità regionali e Forte di Bard

    15.15 Introduzione ai lavori: Michele Freppaz, Università di Torino, e Jean Pierre Fosson, Segretario generale Fondazione Montagna Sicura (moderatori)

    15.20 Michele Freppaz, Università di Torino - Il Progetto L'Adieu des Glaciers

    15.30 Daniele Cat Berro, Società Meteorologica Italiana (Smi) onlus - Ultimi ghiacci: un libro su clima e ghiacciai delle Alpi Marittime

    15.40 Marco Giardino, Comitato Glaciologico Italiano - Il Comitato Glaciologico Italiano e la "Carovana dei ghiacciai": memoria e dati scientifici

    15.50 Marta Chiarle, Cnr Irpi- I ghiacciai valdostani nel panorama scientifico internazionale

    16.00 Gianni Mortara, Comitato Glaciologico Italiano - Il contributo del Comitato Glaciologico allo studio del glacialismo valdostano: attualità e storia

    16.10 Edoardo Cremonese, Arpa Valle d'Aosta - Ghiacciai e rock glaciers: le prospettive idrologiche

    16.20 Alberto Rossotto, Parco Nazionale Gran Paradiso - Campagna glaciologica del Parco Nazionale Gran Paradiso e bilancio di massa del Ghiacciaio del Grand Etrèt 2019-2020

    16.30 Valerio Segor, Dirigente Assetto idrogeologico dei bacini montani - Regione Autonoma Valle d'Aosta - I rischi glaciali in Valle d'Aosta: il caso del Ghiacciaio di Planpincieux

    16.40 Fabrizio Troilo, Fondazione Montagna sicura - Indagini recenti presso il seracco Whymper alle Grandes Jorasses

    16.50 Christian Vincent, Institut des Géosciences de l'Environnement de Grenoble - Les études des risques liés aux glaciers de Taconnaz, de Tête Rousse et des Grandes Jorasses (Mont-Blanc)

    17.00 Daniele Giordan, Cnr Irpi - Il laboratorio a cielo aperto delle Grandes Jorasses: una necessità ma anche un'occasione per lo sviluppo di tecniche di monitoraggio di processi di instabilità in ambito glaciale

    17.10 Simone Gottardelli, Fondazione Montagna sicura - Applicazioni del telerilevamento in ambito glaciale

    17.15 Conclusioni:

    Guido Giardini, Presidente Fondazione Montagna sicura

    Valerio Segor, Dirigente Assetto idrogeologico dei bacini montani, Regione Valle d'Aosta

    Luca Mercalli, Presidente Società Meteorologica Italiana (Smi) onlus

    17.30 Chiusura lavori

  • 04-Nov-2020: RESERVAQUA - ACQUA TRA PASSATO E FUTURO - Fondazione Montagna Sicura

    RESERVAQUA - Evento trasmesso in streaming online

    ACQUA TRA PASSATO E FUTURO

    Un viaggio, in tre appuntamenti, alla scoperta della risorsa idrica

     

    II° Convegno, 07 novembre 2020, Forte di Bard, Bard (Valle d'Aosta)

    Confronto transfrontaliero sulle acque

    Il progetto IT-CH RESERVAQUA vuole condividere con il pubblico i risultati delle ricerche dei vari Enti che si occupano di osservare e monitorare il ciclo idrico. Il confronto è inserito nella XI edizione di METEOLAB: sarà coordinato da Luca Mercalli, giornalista e climatologo.

    PROGRAMMA

    Ore 11.50 Raffaele Rocco, Coordinatore del Dipartimento Programmazione, risorse idriche e territorio - Regione Autonoma Valle d'Aosta - Il Piano di Tutela delle acque

    Ore 12.10 Luca Mercalli • Chiusura lavori e dibattito Ore 12.20 Termine sessione mattutina

    Ore 14.30 Apertura lavori pomeridiani. Introduce e conduce Luca Mercalli - Presidente della Società Meteorologica Italiana

    Ore 14.35 Davide Bertolo - Dirigente Attività geologiche - Regione Autonoma Valle d'Aosta - Il Progetto ITA - CH RESERVAQUA quale esempio concreto di valorizzazione della risorsa idrica a scala transfrontaliera

    Ore 14.50 Pierre Christhe - Direction de l'environnement - Canton du Valais

     L'or bleu au pays des cimes blanches : perspectives dans un monde en constant changement

    Ore 15.05 Edoardo Cremonese - ARPA Valle d'Aosta - Cambiamenti climatici e risorse idriche in Valle d'Aosta: quali prospettive per il futuro?

    Ore 15.20 Luca Mondardini - Fondazione Montagna sicura - ThoulaLab: risorsa idrica e ghiacciai - primi risultati

    Ore 15.35 Luca Paro - ARPA Piemonte - Permafrost e risorsa idrica: il caso studio dei rock glacier

    Ore 15.50 Martina Balliana - Fondazione Montagna sicura - Individuazione semi automatizzata dei laghi glaciali da remote sensing

    Ore 16.05 Enrico Suozzi - Politecnico di Torino - Cambiamenti climatici e ricarica degli acquiferi di montagna, l'esempio riuscito del sito sperimentale di Mascognaz

    Ore 16.20 Luca Mercalli • Chiusura lavori e dibattito con disponibilità dei relatori a rispondere ai quesiti del pubblico

    Ore 16.40 Termine sessione pomeridiana

    L'accesso allo streaming dei lavori  è  subordinato  alla  prenotazione via mail. All'atto dell'adesione, i partecipanti riceveranno la notifica di conferma e il link per accedere allo streaming il giorno dell'evento

    Prenotazioni aperte dal 29 ottobre 2020 su fortedibard.it

  • 25-Sep-2020: Alpine Landscape Meets Culture, Cultural Heritage and Landscape for a new Alpine tourism – ALMCC2020 - Fondazione Montagna Sicura

    28-30 SETTEMBRE 2020 | VIRTUAL CONFERENCE

    La Delegazione Italiana in Convenzione delle Alpi – Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio, la Regione autonoma Valle d'Aosta, con il contributo del Comune di Courmayeur e l'assistenza scientifica di Eurac Research e Fondazione Montagna sicura organizzano la Virtual Conference “Alpine Landscape Meets Culture, Cultural Heritage and Landscape for a new Alpine tourism” che si terrà in differenti sessioni on-line tra il 28 e il 30 settembre 2020.

    La conferenza, promossa in attuazione della decisione dei Ministri Alpini a Innsbruck, vuole essere promotrice di una riflessione a 360° sull'importanza di promuovere e valorizzare il patrimonio culturale-paesaggistico alpino nel turismo. La conferenza permetterà di analizzare la stretta relazione tra il turismo alpino e il paesaggio culturale delle nostre Alpi, alla scoperta di come la cultura locale abbia plasmato il territorio alpino creando paesaggi divenuti ricchezza culturale ed economica del nostro paese e sarà una finestra sulle nuove soluzioni e strategie per il turismo locale nell'era post-COVID.

    L'evento virtuale si articolerà in sessioni plenarie di apertura e di chiusura e sessioni di lavoro parallele su tematiche specifiche quali: la valorizzazione del paesaggio culturale nelle Alpi attraverso le Convenzioni UNESCO, la frequentazione culturale della Montagna dopo l'emergenza COVID-19 attraverso nuove prospettive per una ripartenza all'insegna della sostenibilità e la promozione e diffusione del patrimonio e degli itinerari culturali della regione alpina. La conferenza vedrà coinvolti esperti internazionali nei settori del turismo, del paesaggio e dei beni storico-culturali.

    La conferenza si prefigge l'obiettivo di coinvolgere attivamente enti territoriali, il settore privato e la ricerca sul tema, anche attraverso una call for abstract & poster sulla valorizzazione del paesaggio e del patrimonio culturale della regione alpina aperta a ricercatori, professionisti, esperti in materia e alla società civile.

    La conferenza sarà supportata da traduzione simultanea. 

    Programma ed informazioni: www.greeneconomy-ccapp.it/ALMCC2020/ - https://www.facebook.com/pg/almccalps/about/?ref=page_internal (pagina Facebook)

  • 28-Jul-2020: CLIMATE CHANGE: POWER MOUNTAIN ENGINEERING & SPORTS SUMMER SCHOOL - Fondazione Montagna Sicura

    The knowledge of mountain dynamics in the context of climate change is the basis of any socio-economic development linked to the territory.

    Through a path that will involve different disciplinary sectors from the monitoring techniques to the mitigation actions of the risks connected to mountain phenomena, candidates will be able to learn the relationship that binds man to the mountain.

    The complementary activities will instead address the issue of safety and health in the mountain environment, bringing participants who wish to measure their physical conditions with the help of mountain medicine.

    In a mountain environment, it is essential to understand iterations between man and the environment that surrounds him from several perspectives and points of view.

    It is useful to understand how they can evolve over the years, influenced by climate change. The proposed activities try to create a solid knowledge of the principal phenomena that characterize mountain environments related to the mitigation actions that can limit the risks associated. Moreover, through a personal path, participants, guided by experts of these environments, will receive elements of self-awareness to improve their behavior. This learning method is one of the innovations of the proposal that can make it particularly attractive for international students. As well as, they will combine their knowledge with the high-level engineering training of the Politecnico and elements of soft-skill and self-learning.

    Finally, with the support of local authorities, participants will have the opportunity to deepen the socio-economic dynamics that these phenomena exert on local communities.

  • 01-Jul-2020: SESSIONE FORMATIVA PER GLI OPERATORI TURISTICI DELLA VAL FERRET SUL RISCHIO GLACIOLOGICO - Fondazione Montagna Sicura

    Nell'ambito del progetto Alpine Space - GreenRisk4AlpS, che vede tra i suoi partner Fondazio- ne Montagna sicura, è stata organizzata una sessione formativa rivolta agli Operatori turistici della Val Ferret, che si terrà mercoledì 08 luglio, alle ore 17:00, nel piazzale di località Plan- pincieux (è prevista l'applicazione delle misure preventive COVID-19).

     La sessione formativa, organizzata dalla Fondazione Montagna sicura, dalla Regione Autono- ma Valle d'Aosta (Assessorato Opere pubbliche, Territorio ed Edilizia residenziale pubblica - Dipartimento programmazione, risorse idriche e territorio - Struttura Assetto idrogeologico dei bacini montani), dal Comune di Courmayeur e dal Comitato Val Ferret, ha lo scopo di sen- sibilizzare gli Operatori turistici sulle misure di protezione e prevenzione dei rischi di origine glaciale messe in atto, con particolare attenzione al Ghiacciaio di Planpincieux e al Ghiacciaio delle Grandes Jorasses. Nel corso dell'incontro saranno presentati e approfonditi gli interventi di monitoraggio messi in atto, finanziati dalla Regione Autonoma Valle d'Aosta e gestiti opera- tivamente dalla Fondazione Montagna sicura. Il Comune di Courmayeur dettaglierà inoltre le azioni di propria competenza, di protezione civile e viabilità.

     Agli Operatori turistici sarà rilasciato materiale informativo specifico affinché, una volta for- mati, possano a loro volta informare i turisti sulle misure di prevenzione del rischio attivate sul territorio. Le finalità sono appunto rendere più informati e sensibili i turisti, dando idea dell'impegno importante per la sicurezza in montagna perseguito dalle amministrazioni del territorio.

     Il progetto GreenRisk4AlpS ha la finalità di valutare gli effetti dei cambiamenti climatici e la resilienza al rischio. L'obiettivo generale di GreenRisk4Alps è lo sviluppo di concetti basati sulle foreste per il supporto alla gestione dei rischi legati agli eventi naturali e agli impatti climatici. Tutti gli attori sono coinvolti e forniti di nuove alternative di mitigazione e supporto alla comunicazione su basi scientifiche. Soggetti cardine del progetto sono cinque Aree Pilota dello Spazio Alpino, direttamente coinvolte nello studio, nell'analisi e nei risultati:

    • Val Ferret (Valle d'Aosta, Italia)
    • Kranjska Gora (Slovenia)
    • Wipptal: Sterzing, Vals e Gries am Brenner (Alto Adige, Italia/Austria)
    • Parc Naturel Régional des Baronnies provençales (Francia)
    • Oberammergau (Germania) MV 2020
  • 27-Jun-2020: La Casermetta dell'Espace Mont-Blanc al Col de La Seigne è aperta - Fondazione Montagna Sicura

    La Casermetta dell'Espace Mont-Blanc al Col de La Seigne resterà aperta dal 26 giugno al 15 settembre 2020

    La porta di ingresso italiana del "Tour du Mont Blanc".

    Centro di educazione ambientale transfrontaliero dell'Espace Mont-Blanc, un vero spazio di incontro per tutti coloro che, con lo stesso spirito dei primi viaggiatori, esplorano la Valle del Monte Bianco.

    Come raggiungerci
    Partenza da loc. "La Visaille" (in fondo alla Val Veny). Si cammina fino al Lago
    Combal, proseguendo lungo la valle si raggiunge il Rifugio Elisabetta e dopo
    un altopiano l'ultima salita ed eccovi arrivati!

    Tempo di percorrenza: 2h30 circa.

    Mentre cammini potrai ammirare :
    - Il Petit Mont Blanc
    - L'Aiguille des Glaciers
    - Pyramides Calcaires
    - marmotte e bellissime fioriture estive
    e per gli amanti della storia i Bunker!


    ORARI "CASERMETTA"
    Lunedì 9:00-17:00
    Martedì 9:00-17:00
    MERCOLEDI CHIUSO
    GIOVEDI CHIUSO
    Venerdì 9:00-17:00
    Sabato 9:00-17:00
    Domenica 9:00-17:00

    http://www.espace-mont-blanc.com/it/news/la-casermetta-dellespace-mont-blanc-al-col-de-la-seigne-e-aperta

  • 22-Jun-2020: RENDICONTO NIVOMETEOROLOGICO DELLA VALLE D’AOSTA – INVERNO 2018-19 - Fondazione Montagna Sicura

    In attesa che venga redatto il nuovo Rendiconto Nivometeorologico della stagione invernale appena conclusa, potreste sfogliare quello della stagione precedente e togliervi tante curiosità relative all'inverno 2018-2019 in Valle d'Aosta.

    Il Rendiconto Nivometeorologico viene elaborato dall'Ufficio neve e valanghe della Regione Autonoma Valle d'Aosta ed è realizzato, dal 2009, con il supporto tecnico di Fondazione Montagna sicura. Il compendio, giunto con l'Inverno 2018-2019 alla sua XIV edizione, rappresenta un utile strumento per tutti coloro che - a titolo professionale, di studio, di interesse personale o per semplice curiosità scientifica - vogliono approfondire i tratti salienti degli inverni valdostani, spaziando dalla descrizione dell'andamento nivometeorologico, attraverso l'attività previsionale del pericolo valanghe, e concludendo con la descrizione approfondita dei principali eventi valanghivi spontanei e degli incidenti da valanga registrati.

    Abbiamo voluta dedicare la copertina di questa ultima edizione a Gianfranco Sappa, Guida Alpina ed Osservatore Nivologico, purtroppo mancato nell'estate 2019, in seguito ad un incidente sulle montagne di casa che tanto amava.

    Qui trovate il link alla versione low definition, ma se siete interessati alla versione in alta risoluzione è disponibile scrivendoci all'indirizzo mail u-valanghe@regione.vda.it

  • 08-Jun-2020: Andare in montagna nella fase 2 della pandemia Covid-19 - Fondazione Montagna Sicura
    Andare in montagna nella fase 2 della pandemia Covid-19
    organizzato da Fondazione Courmayeur Mont Blanc in collaborazione con Fondazione Montagna Sicura
    giovedì 11 giugno, alle ore 18.00

    Intervengono:
    Guido Giardinipresidente della Fondazione Montagna Sicura; Direttore Struttura Complessa di Neurologia e Responsabile Centro di Montagna dell'Ospedale di Aosta
    Renato Balduzziprofessore ordinario di diritto costituzionale nell'Università Cattolica del Sacro Cuore, già ministro della Salute

    Come riprendere ad andare in montagna dopo l'inattività del lockdown? Quali misure adottare nel corso di un'emergenza epidemiologica? L'Incontro sarà l'occasione per approfondire le modalità per andare in montagna nella fase 2 della pandemia da Covid-19.

    L'Incontro si terrà in diretta su Zoom.
    Per partecipare occorre registrarsi a questo link

    https://zoom.us/webinar/register/WN_pZvE6gLVThGHD6b7D8NqAQ

  • 10-May-2020: Consigli per tornare in Montagna - Nella fase 2 della pandemia COVID-19 - Fondazione Montagna Sicura

    Il nuovo DPCM del 26 aprile 2020 ha riaperto il periodo di “Lock down” dando il via alla cosiddetta “Fase 2” della pande- mia da COVID 19.

    Finalmente possiamo uscire di casa e tornare alle nostre amate montagne. Ma ci sono molti rischi, per nulla trascurabili. La pandemia è ancora in corso e molte persone sono ancora ricoverate in ospedale. Il possibile contagio non è affatto improbabile, vanno mantenute scrupolosamente le misure e i dispositivi consigliati.

    Siamo stati fermi a lungo, dobbiamo quindi riprendere gradualmente l'anelata attività sportiva in montagna, senza fare sforzi eccessivi ed inutili. Gli ospedali sono ancora sotto scacco e il personale sanitario che ha curato le polmoniti virali fino a ieri è lo stesso che compone le squadre del soccorso alpino. Evitiamo di impegnarlo in inutili interventi.

    In questi due mesi la montagna che ricordiamo è cambiata. Ricominciamo con passo lento, che da sempre è il passo dei montanari.

    Per tutte queste ragioni il Centro di Medicina di Montagna dell'Ospedale di Aosta, insieme a Fondazione Montagna Sicura ha stilato una serie di semplici raccomandazioni per tutti coloro che tornano alla montagna, che siano giovani o anziani, sani o affetti da patologie croniche. La montagna è di tutti ma dobbiamo tornare ad essa con il buon senso.

    link:  http://www.ausl.vda.it/notizie.asp?id=778&l=1&n=1178

  • 11-Mar-2020: EMERGENZA CORONAVIRUS - Fondazione Montagna Sicura

    Fondazione Montagna sicura applica rigorosamente, a partire dal 09 marzo 2020, le disposizioni di cui ai diversi DPCM. Sono garantiti tutti i servizi tecnici (Bollettino neve e vanghe, Monitoraggi glaciologici), così come tutte le attività progettuali.
    Sono sospesi i corsi di formazione, seminari, riunioni, ecc.

    La sede di Villa Cameron è regolarmente operativa, seppur a ranghi ridotti. La Fondazione applica infatti da anni un percorso di smart working sistematico che fa si che tutti i dipendenti siano da tempo abilitati a lavorare da casa con la massima operatività. In tal senso frane, valanghe ci hanno insegnato qualcosa negli anni.

    Non si riceve il pubblico, per ogni richiesta contattare via email:

    Segretario generale
    dott. Jean Pierre Fosson email: jpfosson@fondms.org

    Responsabile Area Tecnica & Ricerca Neve e valanghe
    Paola Dellavedova email: pdellavedova@fondms.org

    Responsabile Area Progetti di Ricerca
    dr Alessandro Benati email: abenati@fondms.org

    Responsabile Area Amministrazione
    Responsabile della Prevenzione della Corruzione e della Trasparenza (RPCT)
    dott.ssa Micole Trucco email: mtrucco@fondms.org

    Responsabile Area Tecnica & Ricerca Alta Montagna - Rischi, Ghiacciai e Permafrost
    dr Fabrizio Troilo email: ftroilo@fondms.org

    FONDAZIONE MONTAGNA SICURA SOSTIENE L'INIZIATIVA #iostoacasa

  • 29-Nov-2019: CONFRONTO TRANSFRONTALIERO SUI GHIACCIAI - Fondazione Montagna Sicura

    Lunedì 2 dicembre 2019, ore 18.00 - Palazzo regionale, Sala Maria Ida Viglino, Piazza Deffeyes - Aosta

    Presentazione del lavoro annuale degli Enti che si occupano di osservare e monitorare i Ghiacciai, con la partecipazione del climatologo e divulgatore Luca Mercalli.

    L'evento rientra nell'ambito del Progetto “RESERVAQUA - Implementazione di una REte di SERvizi per lo studio, la protezione, la Valorizzazione e la gestione sostenibile dell'ACQUA a scala locale e regionale su un territorio transfrontaliero alpino”, del Programma di Cooperazione transfrontaliera Italia - Svizzera 2014/2020, che si propone di perfezionare la conoscenza sulla disponibilità e sull'utilizzo eGettivo della risorsa idrica (intesa come ghiaccio, neve e acqua), anche attraverso l'armonizzazione dei database esistenti, e di diGondere una cultura dell'acqua